Condividi su  

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Iceland Experience

di Roberto Fabrini, Medico di Medicina Generale, ASL Umbria 2, Terni

Chi ha seguito la fiction "Vikins" avrà senz'altro invidiato uno dei protagonisti, Floki, quando nel suo viaggio è arrivato nell'isola che lui ha definito "la terra degli dei".
Tra i tanti sogni che ho avuto uno fin da ragazzo tra quelli più affascinanti era un viaggio in Islanda, una terra ai confini del mondo, la terra degli dei di Floki.
Finalmente, giunto alla mia venerabile età,sono riuscito a realizzarlo nello scorso mese di marzo.
L'Islanda mi affascinava per la sua la natura, che qui trovi incontaminata e ad ogni passo scopri meraviglie che sembrano infinite, per il fatto che si trova ai confini del mondo e per le tante leggende vichinghe.
La capitale, Reykiavik, città piccola in confronto alle altre capitali europee ,ha poco più di 120000 abitanti, si affaccia sull'oceano con il suo bel lungomare.
E' la città dove risiede la maggior parte della popolazione islandese che è di circa 350000 persone.
Quello che però caratterizza Reykiavik è la calma che vi regna nonostante la vivacità del centro cittadino ricco di negozi, pub ristoranti e turisti. Reykiavik è anche il punto di partenza per tutte le escursioni che si possono fare nell'isola. Chi ama il mare può imbarcarsi nei battelli che portano al largo e che ti fanno vivere l'esperienza fantastica della caccia fotografica alle balene.
Queste meravigliose creature sembra che aspettino questi battelli per giocare con loro e fare le loro evoluzioni per la meraviglia dei turisti.
Il mio viaggio ha toccato la costa sud occidentale dell'isola e mi ha fatto conoscere, pur nella sua brevità un mondo meraviglioso costituito da imponenti montagne,spiagge e scogliere, ghiacciai, cascate animali e vento.
Dalla capitale ci siamo spostati verso nord-ovest, nella penisola Sneafellnes ricca di spiagge sabbiose,campi di lava e coste mozzafiato.
Qui abbiamo avuto il primo contato con il clima islandese.
Si passa in pochi chilometri da tempeste di vento e neve a soleggiati relax in riva al mare.
Nella parte nord della penisola si trova il luogo forse più fotografato d'Islanda, il Kirkjufell, una montagna dalla particolare forma simmetrica, il trono di Thor secondo le leggende vichinghe.
La notte l'abbiamo trascorsa in una caratteristica cittadina islandese, Borgarnes, e qui abbiamo avuto la prima esperienza con l'aurora boreale.
Questa si verifica quando il vento solare si scontra con gli atomi di ossigeno, idrogeno e azoto presenti negli strati superiori dell'atmosfera producendo luci verdi,bianche e magenta.
E' una esperienza unica che vale da sola un viaggio e che stai a guardare per ore nonostante il freddo ed il vento. Lo spettacolo del cielo stellato e delle luci che si rincorrono sopra di te non si può descrivere con le parole .
La mattina ci alzavamo presto, ed iniziavamo la nostra scoperta.
Avevamo noleggiato due pulmini, rigorosamente a trazione integrale. Con l'auto ci si muove abbastanza agevolmente, basta fare attenzione ai tratti ghiacciati e soprattutto al vento.
Le strade sono lunghi rettilinei tra le montagne e i vulcani all'interno e la costa.
Per accedere ai punti più particolari non bisogna discostarsi molto dalle statali anzi i panorami che si susseguono sono tutti mozzafiato. Incontriamo cascate meravigliose, spiagge infinite, lagune ghiacciate, ghiacciai che si fondono quasi con l'acqua del mare e nei campi centinaia di cavallini tipici islandesi.
Dopo una passeggiata sul ghiacciaio cosa c'è di meglio di un bagno caldo in una vasca termale?
Ne trovi un pò dovunque, basta spogliarsi ed immergersi.
L'Islanda è una nazione autonoma dal punto di vista energetico.
All'energia eolica si aggiunge l'energia geotermica che sfrutta i numerosi vulcani ma soprattutto i geyser il cui calore viene convogliato in centrali .
Ce ne sono un pò dovunque ma il più famoso si trova a Strokkur. Qui ogni 5-7 minuti uno spettacolare getto di acqua calda e vapore si innalza per 15-30 metri per poi essere risucchiata dentro quello che sembra un enorme tubo di scarico
Altra esperienza senza paragoni è quella di raggiungere il ghiacciaio del vulcano Myrdallsjokull e con l'aiuto di guide locali addentrarsi nelle stupende grotte di ghiaccio.
Fa impressione sapere che sotto di te hai un vulcano che ogni tanto si fa sentire ma soprattutto che hai circa 800 metri di ghiaccio sotto i tuoi piedi. Purtroppo, a causa del riscaldamento globale queste riserve naturali millenarie di acqua si stanno assottigliando anno dopo anno.
I giorni passano velocemente e la partenza si avvicinava, ma potevamo lasciare questa meravigliosa terra senza aver fatto un bagno notturno nella BLUE Lagoon sotto un cielo stellato come non ce ne sono altri e sotto l'aurora boreale sorseggiando un boccale di birra?
La Blue Lagoon è un centro termale dove è presente una enorme piscina di acqua calda sui 38 gradi.
Ti crogioli nell'acqua calda e ti godi il cielo stellato, il cielo di Islanda, il più bel cielo al mondo.
Chiacchierando con gli amici questi mi descrivevano l'Africa e quella nostalgia che coglie chi l'ha visitata, il cosiddetto mal d'Africa. Ebbene posso assicurare che io ho il mal di Islanda.